See PRO edition

See other templates

Homepage Parrocchia San Pietro Apostolo - Monte San Vito (AN)

Monte San Vito con la Cupola

Monte San Vito con la Cupola

Il profilo inconfondibile della nostra collina E' dominato e caratterizzato da 300 anni dalla cupola della chiesa collegiata di Monte San Vito. Oggigiorno, la struttura è segnata dalle intemperie e…

More...
Monte San Vito senza la Cupola

Monte San Vito senza la Cupola

Come sarebbe la nostra collina senza la cupola della chiesa La tecnologia digitale ci permette di presentare il paese di Monte San Vito privato della sua cupola, cosa che potrebbe…

More...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Avvisi

Nuovi incarichi pastorali della Diocesi

Mercoledì, 14 Settembre 2016
Vista la necessità di provvedere di un nuovo pastore le comunità parrocchiali di S. Michele Arcangelo in Monteporzio e di Santa Maria della Neve in Senigallia a seguito dell’accettazione da parte... Read More...

EMERGENZA TERREMOTO CENTRO ITALIA

Mercoledì, 31 Agosto 2016
La Diocesi di Senigallia, attraverso la Caritas, ha istituito un conto corrente per raccogliere le offerte in favore della popolazione colpita dal terremoto nell'Italia centrale. Le offerte saranno... Read More...

Orari apertura al pubblico del pendolo di Foucault

Martedì, 28 Giugno 2016
Gli orari di apertura al pubblico sono il Sabato mattina ed il GIovedì sera secondo il seguente calendario: LUGLIO 02/07/2016 09/07/2016 14/07/2016 16/07/2016 21/07/2016 23/07/2016 30/07/2016... Read More...

Giornata di fraternità 2016

Martedì, 17 Maggio 2016
Domenica 29 Maggio presso il centro Carlo Urbani

voglio diventare grande come Don Pietro!

Giovedì, 24 Marzo 2016
Da bambino non ero un gran mangiatore come ahimé lo sono diventato ora. Quando ero a tavola con i miei genitori mia mamma mi racconta che per forzarmi un po’ mi diceva “dai Sergio mangia che... Read More...

Grazie di tutto Pietro....

Martedì, 22 Marzo 2016
Oggi sono andato a salutare un altro pezzo importante della mia infanzia. Grazie di tutto Pietro.... MICHELE DONATI

Ti saluto con un arrivederci e con un infinito grazie!!

Martedì, 22 Marzo 2016
Ti saluto con un arrivederci e con un infinito grazie!! Arrivederci perché sono sicura che un giorno quando Papà Dio lo vorrà, noi ci rivedremo nella Santa Gerusalemme....un infinito grazie per il... Read More...

Ciao Don Pietro

Lunedì, 21 Marzo 2016
CIAO DON PIETRO Nella ricorrenza alquanto significativa per noi Cattolici della Domenica delle Palme il nostro Padre Spirituale, il nonno di tutta la comunità Don Pietro Landi ci ha lasciato per... Read More...
Home

Parrocchia Monte San Vito - Home

Lettera ai monsavitesi

VII Domenica T.O.

19 febbraio 2017

Vangelo   Mt 5, 38-48

Amate i vostri nemici.

Dal vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Occhio per occhio e dente per dente”. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Cari parrocchiani, amate pecorelle

Cari Monsanvitesi (Monte san Vito e Borghetto!!!!)

e anche a te, cara Sabrina, rappresentante dello Stato e di tutti gli abitanti di Monte san Vito,

di solito scrivo solo ai parrocchiani, ma questa lettera è rivolta veramente a tutti, credenti e non! D'altronde la parola “laico” in origine significava battezzato.

Oggi ho letto i vari manifesti che sono stati affissi e distribuiti e che in questi giorni continuano a essere affissi.  Non mi esprimerò con un manifesto, ma con una lettera. Avrei voluto scriverla a mano, ma ho una pessima calligrafia e ho avuto il timore che non fosse capita.

In molti in parrocchia mi hanno sollecitato a (cito) “rispondere”. Noi non rispondiamo non è il nostro stile. Noi non facciamo riunioni pubbliche alternative perché quelle che sono state fatte sono la sede giusta per parlare e decidere. A tutti questi parrocchiani rispondo con il vangelo di oggi! Il nostro “manifesto” è il Vangelo!

Quando leggiamo questo vangelo (lo dicevo anche alla predica), pensiamo sempre che il nemico sia cattivo, lontano, sconosciuto. Non è così! Il nemico non è una persona fisica! Il nemico vero è la divisione! Satana significa “il divisore”. Questo divisore è sempre accanto a noi e per sconfiggerlo dobbiamo riconoscerlo. Altrimenti la conseguenza della divisione potrebbe essere terribile.

Quando nel 2009 abbiamo iniziato l’avventura dei lavori della chiesa, io non c’ero. Mi è stato detto che questi lavori si rendevano necessari non solo per la pericolosità della struttura ma perché la cupola è Monte San Vito. Con il gruppo Passamano abbiamo accolto questa eredità e abbiamo cercato di prendere come scusa i lavori per ricucire il paese e creare comunione; da qui appunto PASSAMANO.

Allora, cari monsanvitesi, io (e il Consiglio Pastorale Parrocchiale riunito oggi con me) non posso tollerare che la cupola o la chiesa siano diventate il pretesto per la divisione.

Per questo dico a tutti i miei parrocchiani, in forza del vangelo e del battesimo, di smettere di creare divisione e parlare male delle persone indipendentemente dalla ragione o dal torto, perché il nostro obiettivo non è avere ragione ma creare amore e comunità.

Ancora di più il nostro obiettivo è risollevare il paese e si può fare solo tutti insieme. Che cosa credete che, quando la via sarà riaperta e le famiglie finalmente torneranno a casa, il paese si risolleverà da solo? No! Serve una comunità coesa per rendere giustizia ad un paese meraviglioso come Monte san vito.

E ai cittadini di Monte San Vito dico scusa

Scusate se la parrocchia vi è sembrata negligente. Vi giuro, abbiamo fatto il possibile per fare le cose bene. Mi ha ferito leggere che per alcuni la parrocchia non è interessata alla Collegiata e al Paese; mi sembra perlomeno un’affermazione ingenerosa dato che, per 20 anni, avremo un mutuo enorme e per anni la chiesa rimarrà chiusa.

Ma soprattutto vi dico che vi voglio bene

Voglio bene allo Stato italiano che ha visto la criticità di molti paesi e si è reso disponibile a pagare la messa in sicurezza e con esso voglio bene a tutta la Protezione Civile, pompieri, beni culturali.

Voglio bene al Sindaco che in un momento di così grave crisi si è presa il rischio di fare scelte anche contro corrente per il bene di tutti. Permettetemi di spendere altre due parole in difesa del Sindaco. La legge sul terremoto non era di così facile interpretazione neanche per una professionista come lei. Non è facile gestire un sisma! Vorrei che capiste che l’intervento di messa in sicurezza sulla Collegiata non è una cosa semplice. È uno dei più grandi interventi della Regione Marche! Noi siamo parte lesa da parte di un calamità naturale! Noi abbiamo subito un terremoto! Nessuna parrocchia e nessuna amministrazione potevano da sole gestire più di trecentomila euro di messa in sicurezza (e parlo della sola messa in sicurezza). Quindi la certezza di accedere ai finanziamenti dello Stato non poteva essere fatta con superficialità. Neanche con la velocità che qualcuno pretendeva perché rischiava di farci fare dei passi sbagliati.

Voglio bene alle opposizioni (non so se si dica così) per aver raccolto la disperazione e l’esasperazione della gente e per essersi rese vicine a loro con quanto potevano e averle trasmesse a chi di dovere nei luoghi opportuni. Ma soprattutto per aver ascoltato! Per i credenti presenti nelle opposizioni questa cosa si chiama “compassione”, cioè cum patire che significa sentire insieme.  Grazie.

Voglio bene ai monsavitesi, anche a quelli che ci hanno insultato! Grazie! Ci insegnate l’umiltà che spesso per i ruoli che rivestiamo ci perdiamo per strada.

È volendoci bene che riusciremo a sconfiggere le divisioni tra noi e andare tutti in una stessa direzione!

Vorrei chiedere scusa a tutti quelli che per colpa della Collegiata hanno dovuto lasciare le loro case. Ho fatto un mese di servizio nel terremoto in Umbria e so che cosa significa dormire fuori casa. Mi dispiace per le nostre lungaggini e paure. Chiedo scusa anche a tutti quelli che per la chiusura della strada hanno subito danni economici in un periodo di crisi così duro. Vi sono vicino per quanto mi è possibile.

Infine vorrei ribadire tutta la disponibilità della parrocchia e della Diocesi a velocizzare i lavori. Tutti i documenti in nostro possesso sono già a disposizione del Comune e per quelli che saranno necessari provvederemo ad ottenerli.

Alla fine di ogni messaggio ultimamente nei loro twitter tanti dicono spesso «andiamo avanti» ma io da prete non posso firmarmi che con il mio solito motto

DUC IN ALTUM amici miei

il vostro prete Andrea 

Bilancio Caritas 2016

 SALDO 2016 € 3096,31

Orari Messe e confessioni Natale 2016

Orari messe e confessioni per Natale 2016

Scarica il volantino da QUI

venerdì 23

  • confessioni a Borghetto dalle ore 9,30 alle ore 12,30 in chiesa
  • confessioni a Monte San Vito dalle ore 15,30 alle ore 20 in San Giovanni
  • confessioni a Monte San Vitodalle ore 9,30 alle ore 12,30 in San Giovanni

Sabato 24

  • messa di mezzanotte a Monte san Vito
  • messa di mezzanotte a Borghetto messa principale
    a seguire scambio di auguri davanti alla chiesa

Domenica 25

  • ore 8 messa a Borghetto
  • ore 9 messa a Monte San Vito
  • ore 10 messa a Borghetto
  • ore 10,30 Messa alla cappellania di santa Lucia
  • ore 11,30 Messa a Monte san Vito

Nuovi incarichi pastorali della Diocesi

Vista la necessità di provvedere di un nuovo pastore le comunità parrocchiali di S. Michele Arcangelo in Monteporzio e di Santa Maria della Neve in Senigallia a seguito dell’accettazione da parte del Vescovo delle dimissioni dei relativi parroci, e tenendo conto della necessità di un riequilibrio nel servizio pastorale di alcuni sacerdoti, in data 4 settembre, dopo ampia consultazione, ho provveduto alle seguenti nomine e trasferimenti: don Giancarlo Giuliani, parroco a Roncitelli continuando e essere direttore Caritas don Paolo Gasperini parroco al Portone, Ciarnin, S. Maria Goretti e Cristo Redentore; don Stefano Basili sarà viceparroco del Portone e di Cristo Redentore, rimanendo don Davide Barazzoni viceparroco del Portone e del Ciarnin; don Paolo Montesi, parroco alla Pace e Scapezzano (don Vittorio Mencucci lascia l’incarico di parroco pur continuando a collaborare); don Luca Principi, parroco di Pianello e Casine di Ostra; don Giuseppe Boglis, parroco di Vallone, S. Angelo e Filetto; don Mauro Mattioli, parroco a Monteporzio e Castelvecchio (don Luigi Gianantoni lascia l’incarico di parroco pur continuando a collaborare dove c’è bisogno); don Patrick Ekeh, viceparroco di Morro d’Alba e Belvedere Ostrense; don Paolo Campolucci, parroco di Brugnetto (continuando a essere parroco di Ripe, Passo Ripe, Castelcolonna e Monterado); don Filippo Savini rimane come viceparroco e don Carlo Paolucci resta a collaborare; don Emanuele Lauretani, parroco a S. Ginesio e S.Apollinare (continuando a essere Parroco di Serra de’ Conti, Piticchio e Montale) insieme a don Enrico Ciarimboli viceparroco a Montefortino-S. Ginesio (continuando a essere viceparroco di Serra de’ Conti, Piticchio e Montale) don Sergio Zandri, parroco a Magnadorsa-Colleaprico (continuando a essere parroco di Arcevia e Castiglioni) ; p. Samy Antonysamy sarà viceparroco a Magnadorsa-Colleaprico oltre ad essere viceparroco di Arcevia e Castiglioni); don Leonardo Pelonara terminerà i suoi impegni di studio e presterà servizio festivo nella parrocchia di Mondolfo; don Emanuele Piazzai, diacono, presterà servizio presso le parrocchie di Marzocca e Montignano; Andrea Falcinelli e Filippo Vici, prossimi diaconi il 1 ottobre, presteranno servizio rispettivamente nelle parrocchie di Mondolfo e della Pace; I nuovi parroci inizieranno il loro ministero pastorale nelle nuove parrocchie a loro affidate secondo le seguenti date: - don Paolo Campolucci sabato 24 settembre alle ore 18 - don Mauro Mattioli sabato 1 ottobre a Monteporzio alle ore 18 - don Giancarlo Giuliani sabato 8 ottobre a Roncitelli alle ore 18 - don Paolo Montesi domenica 9 ottobre alla Pace alle ore 10 - don Giuseppe Boglis sabato 15 ottobre alle ore 18 al Vallone - don Luca Principi domenica 16 ottobre a Pianello di Ostra alle ore 18 - don Paolo Gasperini sabato 22 ottobre alle ore 18 al Portone. + Franco, Vescovo Diocesi di Senigallia Piazza Garibaldi, 3 60019 Senigallia AN Tel. 071-65758 Fax 071-60094 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.diocesisenigallia.it

EMERGENZA TERREMOTO CENTRO ITALIA

Logo Caritas

La Diocesi di Senigallia, attraverso la Caritas, ha istituito un conto corrente per raccogliere le offerte in favore della popolazione colpita dal terremoto nell'Italia centrale.

Le offerte saranno gestite dalla Caritas di Senigallia in stretto coordinamento con Caritas Italiana; la scelta di istituire un conto dedicato esclusivamente all'emergenza terremoto ed intestato alla Fondazione Caritas Senigallia Onlus, è funzionale all'assoluta trasparenza nella gestione e rendicontazione del denaro donato.Vista la mole di materiale di vario genere che continua a giungere sui luoghi terremotati, Caritas Senigallia - in accordo con Caritas italiana - ha deciso di non effettuare raccolte di beni materiali, ma sarà a fianco delle popolazioni terremotate con progetti specifici che verranno elaborati non appena conclusa la primissima fase emergenziale.Si ricorda che le offerte sono deducibili e non sono applicate commissioni sulle transazioni.

Intestazione:FONDAZIONE CARITAS

Causale:EMERGENZA TERREMOTO CENTRO ITALIA

Iban:IT84J0501802600000000234592

Pagina 1 di 6

Il Vangelo di oggi

Leggi la Parola di Dio

Iscriviti alla newsletter

Per essere informato sulle novità, gli orari, le iniziative, i corsi , la formazione che hanno luogo nella nostra comunità
Ricezione

Contatore Visite

Visitatori del sito

Olimpiadi della Pace

Le olimpiadi della pace sono un momento di gioco e vita assieme per grandi e piccini

Oratorio

E' la somma che fa il totale. Insieme per stare e fare bene. Conosci l'oratorio Nazario Brugiati con il nostro tour virtuale

Accoglienza

L'accoglienza è il modo Cristiano di vivere gli altri. Scopri cosa possiamo fare e come puoi farlo tu con noi

Joomla templates by Joomlashine